I.T. Costruzioni … (ex Geometri)

ISTITUTO TECNICO

Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio” 


Profilo professionale (D.P.R. 15.03.2010,  n.88  Allegato C9)

Il Diplomato nell’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio”:

  • ha competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell’impiego degli strumenti per il rilievo, nell’uso dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici esistenti nel territorio e nell’utilizzo ottimale delle risorse ambientali;
  • possiede competenze grafiche e progettuali in campo edilizio, nell’organizzazione del cantiere, nella gestione degli impianti e nel rilievo topografico;
  • ha competenze nella stima di terreni, di fabbricati e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, comprese le operazioni catastali;
  • ha competenze relative all’amministrazione di immobili.

È in grado di:

  • collaborare, nei contesti produttivi d’interesse, nella progettazione, valutazione e realizzazione di organismi complessi, operare in autonomia nei casi di modesta entità;
  • intervenire autonomamente nella gestione, nella manutenzione e nell’esercizio di organismi edilizi e nell’organizzazione di cantieri mobili, relativamente ai fabbricati;
  • prevedere nell’ambito dell’edilizia ecocompatibile le soluzioni opportune per il risparmio energetico, nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente, redigere la valutazione di impatto ambientale;
  • pianificare ed organizzare le misure opportune in materia di salvaguardia della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro;
  • collaborare nella pianificazione delle attività aziendali, relazionare e documentare le attività svolte.

 

A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Costruzioni, ambiente e territorio” consegue i risultati di apprendimento, di seguito specificati in termini di competenze:

  1. Selezionare i materiali da costruzione in rapporto al loro impiego e alle modalità di lavorazione.
  2. Rilevare il territorio, le aree libere e i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti.
  3. Applicare le metodologie della progettazione, valutazione e realizzazione di costruzioni e manufatti di modeste entità, in zone non sismiche, intervenendo anche nelle problematiche connesse al risparmio energetico nell’edilizia.
  4. Utilizzare gli strumenti idonei per la restituzione grafica di progetti e di rilievi.
  5. Tutelare, salvaguardare e valorizzare le risorse del territorio e dell’ambiente.
  6. Compiere operazioni di estimo in ambito privato e pubblico, limitatamente all’edilizia e al territorio.
  7. Gestire la manutenzione ordinaria e l’esercizio di organismi edilizi.
  8. Organizzare e condurre i cantieri mobili nel rispetto delle normative sulla sicurezza.

Sbocchi
Professionali
Figure
Professionali
Commento

prevenzione

Prevenzione

 

 

 

 

  • Coordinatore della sicurezza in fase di Progettazione Lavori
  • Coordinatore per la sicurezza in fase di Esecuzione Lavori
  • Coordinatore della sicurezza in fase di Progettazione Lavori
  • Coordinatore per la sicurezza in fase di Esecuzione Lavori
 

Cantiere

 

  • Direttore tecnico per l’IMPRESA
  • Direttore tecnico per il COMMITTENTE
  • Nelle Imprese Edili è sempre più necessaria una figura tecnica intermedia fra il DIRETTORE DEI LAVORI e gli OPERAI
Disegno
  • Disegnatore Tecnico LIBERO PROFESSIONISTA
  • Disegnatore Tecnico
  • DIPENDENTE DI AZIENDA
  • Per le aziende di PREFABBRICAZIONE sono difficili da reperire su piazza DISEGNATORI TECNICI sia come dipendenti interni che come professionisti esterni.
Strade
  • TECNICO di PROGETTAZIONE o di CANTIERE di Impresa Stradale
  • TECNICO DI IMPRESA a Movimento Terra
  • Anche in queste Aziende è fondamentale l’apporto di un tecnico intermedio specializzato nel settore
Impianti
  • TECNICO AUSILIARIO per progettazione di Impianti (IDRICI, TELEFONICI FOGNARI, ELETTRICO, RISCALDAMENTO, etc.) presso un’Impresa Privata (Imprese di Costruzioni ) o Pubblica (GEAL, ENEL, SIP, etc)
  • La specializzazione e la Privatizzazione crescente in questo campo fa sì che molti tecnici intermedi con una preparazione specifica siano richiesti
Architettura
  • DIPENDENTE PUBBLICO (Ministeri, Enti Locali, etc.) o PRIVATO (imprese di costruzione, Cooperative, etc.)
  • – LIBERO PROFESSIONISTA
  • Un settore che ha sempre offerto molto lavoro al Geometra
Catasto
  • Dipendente U.T.E.
  • LIBERO PROFESSIONISTA (accatastamenti terreni e fabbricati, rilievi topografici etc…)
  • Un settore “di fatto” esclusivo per il Geometra, con notevole mole di lavoro
Contabilità
  • Direttore tecnico per l’IMPRESA
  • Direttore tecnico per il COMMITTENTE
  • Computi metrici, Revisioni Prezzi, etc… sono da sempre appannaggio dei Geometri
Compravendita
  • ASSISTENZA AI CONTRATTI
  • AGENZIE IMMOBILIARI
  • Anche queste attività sono tipiche del Geometra

“COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO”

 

QUADRO ORARIO

(secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario)

 

Ore settimanali

Materie d’insegnamento

I° biennio

II° biennio

V° anno

1a  classe

2a  classe

3a  classe

4a  classe

5a  classe

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua inglese

3

3

3

3

3

Storia

2

2

2

2

2

Matematica

+ complementi di Matematica

4

4

3

3

3

1

1

Diritto ed economia

2

2

Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia)

2

2

Scienze integrate: Fisica

 di cui in compresenza

3

3

2*

Scienze integrate: Chimica

 di cui in compresenza

3

3

2*

Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica

 di cui in compresenza

3

3

2*

Tecnologie informatiche

 di cui in compresenza

3

2*

Scienze e tecnologie applicate **

3

Gestione del cantiere e sicurezza dell’ambiente di lavoro

2

2

2

Progettazione, costruzioni e impianti

7

6

7

Geopedologia, Economia ed Estimo

3

4

4

Topografia

4

4

4

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione – Materia/ Attività alternativa

1

1

1

1

1

Totale ***

32

32

32

32

32

 

* L’attività didattica di laboratorio caratterizza gli insegnamenti dell’area di indirizzo dei percorsi degli istituti tecnici; le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.

Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, possono programmare le ore di compresenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** I risultati di apprendimento della disciplina denominata “Scienze e tecnologie applicate”, compresa fra gli insegnamenti di indirizzo del primo biennio, si riferiscono all’insegnamento che caratterizza, per il maggior numero di ore, il successivo triennio.

*** di cui, in compresenza con l’insegnante tecnico pratico, 17 ore settimanali complessive nel secondo biennio e 10 nel quinto anno da distribuirsi tra gli insegnamenti dell’area di indirizzo.

Be Sociable, Share!

I commenti sono chiusi